3-Grazie Elena

Genova 6/4/93

Caro Roberto,

Avrei voluto telefonarti ma pensando di poterti disturbare non l’ho fatto. Però sento il bisogno di dirti il mio dispiacere per quanto ti é accaduto. Se c’era un ragazzo pulito, lontano dal sistema, eri TU. E ti dirò che quando mio marito aveva letto sul giornale che avevi assunto una posizione nell’Efim e me l’aveva detto, volevo scriverti due righe ma non l’ho fatto perché sentivo che non era buono per te.

Posso capire che sei cresciuto nel partito e sono steps forse inevitabili. Ma tu avevi un potenziale da salvaguardare, eri diverso e non dovevano coinvolgerti.

Io spero tanto che possa venir dimostrato la persona per bene che sei sempre stato e che tu possa ancora impegnarti con le vere qualità che possiedi e che per primo, ne sono certa, desidereresti poter applicare.

Ho un ottimo ricordo di tua mamma e come nonna ho sentito di rivolgerti un affettuoso e sincero augurio che questa tempesta passi veloce e che tu possa presto tornare sereno nel lavoro e nella tua famiglia.

Coraggio, Roberto, perché il domani, come ce lo auguriamo tutti, ha bisogno di persone come te.

Quando sarà tutto passato e ne avrai voglia, sentiamoci.

Elena

1 thought on “3-Grazie Elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.